I feel good

Mi sento bene. ho voglia di dirlo senza remore o paura di improvvisi cambi di rotta o inattese visite di sfiga. Ci sono stati giorni faticosi e di ansia e sono passati. Quando chiama l’ospedale per dei chiarimenti che loro, i dottori,  sentono il bisogno di darti non c’è da aspettarsi proprio nulla di buono. E quando chi ti sta accanto e dovrebbe sostenerti ha una fifa che lo divora e si legge in faccia la sua angoscia e vuole da te rassicurazioni… diavolo, pensi… e nient’altro. Ogni possibile pensiero si congela, lo stesso cervello è momentaneamente in freezer, sotto zero. Quando il peggio è passato, si impiega qualche giorno. per ritornare a una temperatura normale, per metabolizzare l’accaduto, per trovare un senso, anche un lato comico in tutto questo. Poi piano piano qualcosa inizia a girare per il verso giusto e -qualche volta capita-  come le ciliegie, una buona nuova tira l’altra. E poi oggi c’era anche un bel sole che scaldava il cuore e il viso e viene voglia di cantare (indipendentemente dalla settimana sanremese) e canti, a squarciagola, muovendo la testa a ritmo di musica.

E dirlo fa bene, ed è giusto farlo senza paura.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s