A Elena

Sapevo che prima o poi sarebbe arrivato. il momento dell’invito al battesimo della figlia della amica-non-più-amica. Momento formale per ritrovarsi con tutti gli amici-non-più-tanto-amici perché nel frattempo qualcuno si è allontanato (ha litigato e mai chiarito completamente) o è troppo preso dagli affari (beghe) familiari per poter coltivare anche le amicizie. Insomma, è chiaro che non sono entusiasta dell’invito anzi lo vivo come un sacrificio e non nascondo di aver pensato a un escamotage per poter essere assente giustificata. Alla fine non solo ci vado ma mi sono anche auto incaricata di provvedere al regalo. Vabbé, questa è stata semplice: buono spesa da parte di tutti da spendere entro 6 mesi in un negozio di prima infanzia (bellissimo) iper-fornito: dai pannolini al vestiario, omogeneizzati giocattoli culle e tutto quello che vi viene in mente. La cosa positiva di questa spedizione (apparentemente punitiva) è che abbiamo guardato l’esposizione delle camerette (sì, hanno anche camerette cucine e salotti) e, carta e metro alla mano, abbiamo fatto un preventivo per la nuova cameretta della broccola e del fagiolo. Sono uscita dal regno dei sogni contenta e soddisfatta ma la festa è stata offuscata dal commento della amica-non-più-amica che a 7 giorni dal battesimo ha fatto una richiesta tutta particolare per la figlia di 4 mesi: un triciclo e, alla notizia che avevamo provveduto diversamente, ha ribattuto “chi vi ha detto di fare il buono da ****?”. Vabbè allora potevi fare una lista e comunicarcela quando ci hai fatto l’invito…bisogna avere poteri divinatori per pensare a un triciclo e comunque, cara, lì ne trovi quanti ne vuoi … da riempirci il giardino!

Non mi lancerò in un’invettiva contro di lei perché non ci voglio spendere tempo né altre parole. Poichè, per una questione puramente formale, sul bigliettino di auguri non potrò scrivere quello che realmente penso allora dedico questa ultima parte di post a te, Elena.

Benvenuta piccolina, ti auguro di essere una ventata di freschezza nella tua famiglia, di portare sorrisi completezza e quell’equilibrio che hanno faticosamente cercato. Ti auguro di crescere forte e coraggiosa per poter guardare negli occhi il drago nella cui forma ti appariranno le avversità della vita e di affrontarle nel modo che solo tu saprai trovare. Di sviluppare un carattere indipendente in modo da aprire una finestra nella campana di vetro sotto la quale proveranno a metterti, di essere intelligente e di nutrire intelligenza e creatività ogni giorno con amore e allegria.

Con affetto, DF

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s