FREGATA

Ho realizzato, non senza una giusta dose di dubbi e perplessità, che qualcosa non quadrava ed ecco che un ragionevole dubbio diventa sufficiente a tagliare una relazione.

Mio marito sta bene e la vita affettiva è ancora in piedi e senza scosse.

Il fatto è che io mi sento esattamente come scritto nel titolo di questo post (post che avrei voluto risparmiarmi ma, sai com’è, una si deve sfogare) e la cosa peggiore è che riesco quasi a comprendere il punto di vista dell’altro in quanto le persone tendono principalmente al proprio tornaconto o beneficio personale MA ho questa terribile sensazione di averlo agevolato. Come dire: prego fai pure, chiudo un attimo gli occhi! Mi sento difettata perché sono stata superficiale, perché non sono di natura una che sta lì a fare il cane da guardia e a vedere la malafede in uno spillo. Quindi potrei tranquillamente essere fregata nuovamente. Riuscirò a virare di 180° la mia natura ? Riuscirò a mostrarmi più stronza e attenta? o nonostante tutto qualcuno riuscirà (ancora) a farsi beffa di me?

Advertisements

inizio

L’anno è iniziato non bene, anzi direi piuttosto male: fisicamente siamo sderenati. Il marito ha iniziato con una influenza intestinale la notte del 31, poco dopo la mezzanotte, che si è prolungata fino ad oggi. Da oggi cioè ha ricominciato a mangiare, come se stesse in ospedale ma almeno ha smesso con il thè al limone. Io gli ho fatto compagnia con mix di influenza senza febbre e mal di stomaco (ho esagerato con la frutta secca… potrei drogarmi di mandorle nocciole e noci …), i figli per fortuna stanno benone a parte la tosse da fumatrice della grande. In realtà non volevo dare il quadro clinico familiare, il fatto è che adesso ho anche un gran peso sullo stomaco e vi assicuro che la frutta secca non centra. In questo breve lasso di tempo, meno di una settimana, si sono inserite prepotentemente delle discussioni in famiglia che mi hanno fatto veramente incazzare e ora mi trovo spossata oltre che dalle incomprensioni anche dalle chiacchiere del dopo, quando si ascoltano come dentro il confessionale di un reality, le versioni dei protagonisti. In tutto questo teatrino si sono perse le tracce della scintilla che ha dato fuoco a tutto, forse solo l’aria delle feste a noi della famiglia fa un effetto strano e tramuta l’armonia in “famose male, vediamo chi sbrocca per primo”. Ho provato nella mia testa ad andare indietro negli anni, cercare di pescare qualche ricordo di quando ero piccola, di quando si stava tutti insieme a casa dei nonni, di come era l’atmosfera ma nulla: ero una bambina e adoravo mio nonno, il patriarca. Magari in un altro momento proverò a chiarire alcune dinamiche familiari che mi condizionano ancora oggi o che mi hanno condizionato in passato, una storia quella della mia famiglia che si arricchisce di particolari, che me ne chiarisce degli altri a distanza di anni ma che purtroppo non spiega tutto. Per il momento è tutto. Adesso ho solo voglia di coccole e coperte.

da Bologna a Babilonia

Da quando il bolognese ha chiuso l’omonimo ristorante sotto casa nostra mi sento un pò orfana. Devo essere sincera: nei suoi due anni di attività ci saremmo andati 3 volte… spero che avesse clienti ben più affezionati di noi però posso dire che in queste poche volte ci ha sempre tolto le castagne dal fuoco (quando non avevo voglia di cucinare non avevo tempo o poche e confuse idee) ristorandoci con piatti dal sapore genuino e casalingo. Mi manca il suo viso tondo come un tortellino e rilassato, la sua presenza discreta, l’accoglienza familiare come se gli avessimo fatto un’improvvisata a casa. Nella nostra strada poco conosciuta dove è sempre complicato trovare parcheggio si sono succeduti in pochi anni un ristorante di pesce, la cucina romana, quella bolognese e da un mese si sono insediati dei nuovi ristoratori. L’insegna è di un paio di giorni: il nome è evocativo ma il sottotitolo “la cucina che avanza” ha scatenato dubbi e perplessità su ciò che è l’obiettivo del nuovo ristorante. Esperimenti arditi, abbinamenti tematici o semplicemente quello che c’è (e che è rimasto) c’è ??!