aspettare

Aspettare il mio turno e finalmente fermarmi.
Non cedere alla tentazione di tirar fuori il cellulare dalla borsa e mettermi a smanettare. Foto, vecchi messaggi o post su fb.
Aspettare senza smaniare, non ho fretta, adesso.
Guardare le macchine sfilare avanti a me appoggiata al muretto, al riparo sul marciapiede. Provare a indovinare se stanno correndo a casa dopo una giornata di lavoro, se sono mamme che hanno ripreso il figlio dalla piscina, dalla scuola calcio o dall’amichetta. Osservare i meccanici che stanno per chiudere l’officina scambiare ancora qualche parola con i clienti. Uno di loro, appoggiato pesantemente su un braccio, sembra proprio sfinito. Aspettare e notare un negozio nuovo in questa piccola via, sembra un tappezziere o uno che vende mobili – diciamo – vintage. Non leggo bene la scritta sulla vetrina e non voglio abbandonare il mio trespolo, sto aspettando e non sono morsa dalla curiosità nè da una tarantola che mi spinga ad attraversare e dare un’occhiata (in realtà tutto sembra studiato ad arte: la luce soffusa, il vetro fumè ..).
Aspettare e assaporare il momento di calma, essere sfiorata dai rumori, non pensare a nulla.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s