Oggi (.. complice la primavera)

E poi arriva la sera che,  complice un bicchiere di bianco, ti senti leggera e pensi che – nonostante tutto – sei felice. Al diavolo la scaramanzia,  sono felice! Circondata dagli affetti, un lavoro che mi piace un hobby che mi appaga, il tempo (cazzo, il tempo!!!) di correre sul lungomare che azzera pensieri e preoccupazioni, il vento che scompiglia i capelli legati a codino come un personaggio manga… c ‘è sempre un pensiero fisso che mi ricorda che pagherò per tutto questo ma oggi no! Oggi sono felice. E la voglia di andare oltre, di mettermi alla prova, di fare un passo in più, di alzare l’asticella. Al diavolo quello che pensano gli altri,  chissenefrega di quel che pensano. Di come mi vedono. Guardarsi allo specchio e riconoscere chi si ha davanti.  La smania di andar via e restare anonimi, la sfida di restare anonimi ma lasciare qualcosa di effimero e indelebile allo stesso tempo. Guardare ai propri errori, quello che proprio potevo evitate di dire ma ormai ho detto. Che dice tanto di me e mi lascia allo scoperto e che -pazienza- non fa niente.  Sapere di aver squarciato il velo dell’apparenza, di aver osato e osato tirar fuori la verità.  Piccoli combattenti,  soldati semplici, granelli di sabbia. Esserci per un tempo infinitamente breve. Essere.  Provare ad essere sé stessi, nonostante tutto. Sapere di mettercela tutta, ogni giorno. Oggi di più, domani -forse- meno. 

Advertisements