Passi

Mentre ero intenta a sopravvivere al dayafterqualchecosa al lavoro, lontano dai miei occhi e dalla smania di fare programmi hai deciso di smettere con il pannolino. Anche la notte. Così da un giorno all’altro, senza preavviso… sono fiera di te cucciolo smutandato! 

Advertisements

I dance…. and then?

http://www.youtube.com/watch?v=Ew_tdY0V4Zo

qualche giorno fa degli amici hanno condiviso questo link su fb, a me è sembrato molto spiritoso e originale e l’ho fatto mio e condiviso a mia volta. il senso ovviamente non era quello di voler mollare il posto di lavoro ma una specie di protesta, di critica lanciata senza far riferimento a un episodio in particolare.

oggi dopo l’ennesimo giorno difficile, dopo aver fatto il pieno dei malumori altrui, dopo uno shampoo fatto sulla mia testa ma ingiustificato, eccessivo e assolutamente rimediabile, ho iniziato a pensare: quanto posso ancora accettare e sopportare?possibile che non ci siano vie di fuga? dovessi fare adesso uno stacchetto per mollare tutto poi, che mi invento?

giovane (bhè, sì), organizzata, con titolo di studio … che talento ho da mettere in campo?

a questo punto, a un passo da una crisi esistenziali di 3° tipo, mi prendo qualche giorno di riflessione, consapevole della possibilità di non arrivare ad alcuna risposta…